riconoscersi

Quando inizio a disegnare qualcosa, davanti al foglio immacolato mi chiedo sempre “Può questa superficie rispecchiare ciò che ho dentro?”
Il più delle volte la prima risposta è un no.
Poi stropiccio il foglio, lo macchio, lo sporco, ci giro intorno, lo abbandono fino a dimenticarmene…

b3

E a volte c’è da fare un lavoro immenso, un carico di colore e linee da non crederci, che poi vai ad alleggerire con la gomma, o a tamponare con la carta assorbente.
Ma alla fine in tutto quello che metto su carta inizio a vederci un po’ di me.

b5

 

When I start to draw something, in front of this immaculate sheet, I always ask myself “May this surface reflects what’s inside of me?”
Most of the time the answer is no.
Then I scrub the paper, turn around, leave it and forget it …
And sometimes I do a big job, an unbelievable load of color and lines, then I go to lighten with the rubber, or dab with a towels.
But in the end, everything I put on paper, starts to looks like me.

[listening to Crosses – Option]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...